Storia

L’esistenza di Gemona del Friuli viene menzionata da Paolo Diacono nella sua “Historia Langobardorum”, il quale riporta che nel 611 era considerato un castello inespugnabile.

Fin dall’epoca preistorica, però, Gemona era uno dei punti di passaggio obbligati e più importanti della strada che dall’Adriatico si dirigeva verso i valichi alpini nord-orientali. La pianura dove oggi sono sviluppati gran parte degli insediamenti urbani una volta era dominata dalle paludi del fiume Tagliamento e il percorso più sicuro e obbligato era quello che prevedeva il passaggio per l’odierno centro storico per poi proseguire verso l’alto Friuli. I primi insediamenti celtici possono essere catalogati attorno al 500 a.C. nell’attuale borgata che oggi prende il nome di Godo. È proprio lì che tutt’oggi è ancora presente la fontana Silans (Silans in latino significa proprio fonte) che conferma ancor di più che anche in epoca romanica la via Julia Augusta attraversava questi territori, tesi avvalorata inoltre dai numerosi reperti archeologici che sono stati rinvenuti in quell’area.

Nella seconda metà del XII secolo fu libero comune, con propri statuti, mentre nel XIII e XIV secolo fu importante centro di traffici commerciali sotto il Patriarcato di Aquileia: con l’istituto del Niederlech (“scarico”), si imponeva infatti ai mercanti in transito di depositare le merci e pagarvi un dazio e di trascorrere la notte in città. La prosperità ne fece anche un centro di primaria importanza, arricchito da chiese e dimore signorili, con cinta muraria protetta da un castello.

Dopo la diminuzione dei traffici a seguito della conquista da parte della Repubblica di Venezia nel 1420 la cittadina ebbe un lungo periodo di declino, fino alla ripresa nella seconda metà del XX secolo.

Il comune di Gemona assunse la denominazione di Gemona del Friuli nel 1935.

Nel 1976 fu devastata dai terremoti del 6 maggio (quasi 4000 morti) e del 15 settembre, che provocarono il crollo di una parte del duomo, punto di riferimento per l’intera città, e del castello, attualmente in ricostruzione. Molti crolli furono favoriti dall’età avanzata degli edifici, che erano stati risparmiati dalle devastazioni delle guerre mondiali. Dopo il terremoto venne riedificata completamente con criteri antisismici diventando il simbolo del carattere friulano, tenace e laborioso,

È il comune più importante di un territorio che prende il nome di “Gemonese”, alle pendici delle Prealpi Giulie, comprendente i comuni di Artegna, Bordano, Buja, Montenars, Osoppo, Trasaghis e Venzone.

Il territorio comunale comprende zone geograficamente molto diverse: dalla pianura delle borgate di Campo Lessi, Taboga e Campagnola, a quelle più collinari di Ospedaletto e Stalis, per poi raggiungere una vasta area delle Prealpi Giulie. In quest’area infatti il territorio diventa montagnoso e il clima caratteristico delle zone di montagna. All’interno del Comune scorre il torrente Vegliato che, percorso la base del monte Cjampon, giunge fino alla zona pianeggiante della cittadina per poi essere incanalato prima in un alveo artificiale e per poi diventare la cosiddetta “roggia dei molini” da cui prendono il nome anche alcune zone come “Borgo Molino”.

Contatti