Palazzo delle Prigioni

L’antica torre medievale preesistente al 1084 anno in cui viene documentata la donazione e che per secoli era stata sede dei giudizi abbaziali, fu trasformata in carcere in epoca napoleonica.

Posta in posizione dominante, sul fiume Fella, è costituita da ciò che resta delle fortificazioni del castello.

L’edificio esternamente presenta muri di pietra rozzamente squadrata. I prospetti sono caratterizzati dalle finestre piuttosto rade e prive di ogni rigoroso ordine, mentre l’accesso alla torre avviene per una scala estrema.

Internamente, il piano inferiore, dove si aprono le celle, presenta un caratteristico soffitto a volte.

Attualmente viene utilizzata per ospitare mostre.