Il vino: lo si schiaccia dolcemente tra lingua e palato; lentamente fresco e delizioso, comincia a fondersi: bagna il palato molle, sfiora le tonsille, penetra nell’esofago  accogliente e infine si depone nello stomaco che ride di folle contentezza.


Gustave Flaubert

Gli altri comuni?